Grazie Mille

per essere entrati nel mio Blog.
Spero possiate trovare nelle numerose sezioni qualcosa che vi possa interessare.
Vi auguro una buona lettura e vi ricordo che se volete potete lasciare un commento.

Valentina =^_^=

PS: Per vedere i miei lavori potete andare alla sezione "Pensieri e opere mie", o visitare il mio sito http://www.magicaartista.com/.
E' possibile richiedere opere su commissione, scrivendo all'indirizzo e-mail: magicaartista@hotmail.com

mercoledì 11 giugno 2008

Espianto di organi da vivi



Non ti hanno detto che l'espianto di organi quali cuore, fegato, polmoni, reni, ecc., si effettua solo e sempre da persona in coma, con respirazione aiutata, e non da cadavere freddo e rigido come tutti intendiamo.

La persona viene incisa dal bisturi mentre il suo cuore batte, il sangue circola, il corpo è roseo e tiepido, urina, può muovere gambe, braccia, tronco, ecc... Le donne gravide portano avanti la gravidanza.

Non è vero che prima si interompa la ventilazione e che poi, a cuore e respiro fermi, si inizi il prelievo, ma è proprio l'opposto.

Gli organi vengono tolti da persona che ha perso la coscienza le cui reazioni alla sofferenza prodotta dall'espianto sono impedite da farmaci paralizzanti o da anestetici.

* Prof. Dr. Massimo Bondì, L.D. Pat. Chir. e Prop. Clin. Univ. La Sapienza di Roma, chirurgo generale e patologo generale: "la morte cerebrale è ascientifica, amorale e asociale" (Audizione Commissione sanità '92).

* Dr. David W. Evans, Fellow Commoner of Queens' College Cambridge, cardiologo dimessosi dal Papworth Hospital per opposizione alla "morte cerebrale", dichiara: "Non c'è modo di accertare una vera morte cerebrale prima della cessazione della circolazione sanguigna. C'è una grande differenza tra essere veramente morto ed essere dichiarato clinicamente in morte cerebrale". (Audizione Parlamento Italiano '92).

* Dr. Robert D. Truog, Dr James C. Fackler, Harvard Medical School Boston, dichiarano che non è possibile accertare la cessazione irreversibile di tutte le funzioni del cervello con i mezzi clinico-strumentali attuali (Critical Care Medicine - vol.20, n° 12, 1992, "Rethinking Brain Death" (Ripensamento sulla morte cerebrale)).

* Prof. Peter Singer, Presidente dell'Associazione Internazionale di Bioetica, in merito alla riluttanza a donare organi, dichiara: "La gente ha abbastanza buon senso da capire che i 'morti cerebrali' non sono veramente morti... la morte cerebrale non è altro che una comoda finzione. Fu proposta ed accettata perchè rendeva possibile il procacciamento di organi". (Congresso di Cuba 1996).

Il dibattito scientifico internazionale e' rovente, ma in italia continua la censura.

Quello che devi sapere

È in vigore la Legge n. 91 del 1° aprile ’99, detta del silenzio-assenso, promozione trapianti, organizzazione, finanziamenti, export-import. Essa va a sommarsi alla L. 578/93 e al DM 582/94 che impongono il concetto e la dichiarazione della falsa “morte cerebrale”. Questa legge prevede che il Ministro della Sanità emani un decreto con 10 direttive per l’attuazione della schedatura dei cittadini in donatori e non-donatori: come e quando le ASL dovranno inviare notifica documentata a ciascun cittadino affinché si presenti per la dichiarazione di volontà. Solo dopo tale notifica, quanti non avranno risposto all'ASL, verranno d'ufficio considerati donatori.

ATTENZIONE! Da più di 9 anni si attende tale decreto (art. 5): il Ministro inadempiente invece ha emesso un decreto temporaneo - Decr. 8 Aprile 2000 - contrario alla legge nello spirito e nella lettera, aprendo le porte a raccolte illegali e abusive presso vari enti (Asl, ospedali, ambulatori, associazioni pro-trapianto e alcuni Comuni), poi travasate nella totale assenza di garanzie nel database illegale del Centro Nazionale Trapianti. Questo è pericolosissimo per i non-donatori: abbiamo diffidato tutte le ASL, il Ministro della Salute e presentato ricorso al TAR.

In attesa del decreto vigono disposizioni transitorie

1. Diritto della persona di opporsi all'espianto di organi/tessuti con dichiarazione autografa, per es. la CARTA-VITA da noi emessa.
2. Diritto dei parenti di presentare opposizione scritta per coloro che non si sono espressi. I parenti sono esclusi in presenza di documentata volontà favorevole del malato. (Attenti ai tesserini fasulli!).
3. Senza una forma scritta d’opposizione “è consentito procedere al prelievo di organi e tessuti”.

È illegale che i medici chiedano ai parenti la firma di donazione, illegale e immorale “donare” un altro.

È illegale e criminale espiantare un non-donatore fingendo di praticare una autopsia a cuore battente: questi medici vanno denunciati.

Diffida delle istituzioni che fanno propaganda per incrementare i trapianti.


Fonte: http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.2716.11

4 commenti:

--LO-- ha detto...

O_o E questo cosa dovrebbe essere?

Magica Artista ha detto...

una notizia VERA!
Purtroppo..

--LO-- ha detto...

Sarà anche una notizia vera, ma sinceramente la roba dell'espianto da "non" cadaveri è una cosa che pure i sassi (in teoria e a meno che non si sia veramente ottusi e scemi) sanno, senza offesa. Secondo te quanto rimane buono un organo che non viene più irrorato di sangue?
St'articolo mi pare un pò come Grillo, che sembra sempre abbia scoperto l'acqua calda quando invece basta essere un pochettino informati che le cose già si sanno senza bisogno di affidarsi a "Guru":D

E comunque basterebbe che gli italiani alzassero un attimino le chiappe e andassero a compilare il modulino, se proprio non gli sta bene il "silenzio-assenso", visto che il decreto temporaneo, se uno si sforza di andare a leggerlo tutto, specifica che si può fare la dichiarazione anche se non si è ancora ricevuta la notifica da parte delle asl. Basta non essere pigri e informarsi invece di interessarsi di una cosa solo quando ci si ritrova su e basta.

Toh, Decreto 8 Aprile 2000

--LO-- ha detto...

Ah, dimenticavo.. :D Per la morte cerebrale, non mi esprimo.
Sinceramente tenderei a presumere che venga dichiarata quando effettivamente son soddisfatti determinati parametri e che non c'è granchè da fare (che possono anche essere sbagliati, per carità)e che i medici non ci speculino" sopra, ma a vedere quanto successo a Milano in sti giorni, non ne son più tanto sicura :D
Sicuramente non accetterei il rimanere attaccata a una macchina, senza attività cerebrale, per 20/30 anni solo perchè "c'è il rischio" che tutto ad un tratto senza motivo apparente il cervello si "rigeneri" e si "ripari" :D